Museo di Caporetto

zbirka-kobarid

Digitalizzazione del materiale espositivo ed attuazione di un
progetto dimostrativo attraverso la realizzazione di una piccola centrale solare collocata
sul tetto del museo.

 

 

Il museo ospita una collezione permanente sul fronte isontino, composta da più di 500 foto, 50 mappe militari, schizzi e documenti dei comandanti delle unità, oltre 1000 esemplari di armi, strumenti, uniformi, medaglie e cimeli. Sulla base delle linee guida e con l'aiuto delle nuove tecnologie informatiche, il materiale museale si è digitalizzato. Il materiale sarà presentato al pubblico come parte delle mostre tematiche annuali. Il film documentario, composto da filmati in diverse lingue di grande significato storico, è stato aggiornato con l'ausilio di tecnologie digitali (passaggio alla tecnologia HD) e l'introduzione di tre nuove lingue, il che permette un apertura del museo in un contesto territoriale più ampio. A causa del gran numero di apparecchi d’illuminazione ed elettrodomestici, riscaldamento e aria condizionata, il Museo consuma molta energia elettrica. Considerata la necessità di ridurre il consumo di energia da fonti tradizionali / non rinnovabili, il Museo ha svolto un progetto dimostrativo con l’aiuto di un piccolo impianto di energia solare sul tetto. La superficie esistente è stata sfruttata per costruire un sistema di 21,12 kWh di energia, che durante i periodi di minore consumo trasporta l'energia in eccesso nella rete elettrica e in questo modo migliora il bilancio energetico del museo, riducendo il consumo di energia da fonti non rinnovabili.

Visitateci

PARTNER DEL PROGETTO

ferrara   ravenna    rovigo   venezia    gorizia   udine   ljubljana   piran     koper   aquilea   kobarid

navedbeProjekt Openmuseums je sofinanciran v okviru Programa čezmejnega sodelovanja Slovenija-Italija 2007-2013
iz sredstev Evropskega sklada za regionalni razvoj in nacionalnih sredstev.

Progetto Openmuseums finanziato nell'ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013,
dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali.